News

Studio Cataldi - Notizie giuridiche, leggi e sentenze.

Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli (mer, 22 nov 2017)
di Lucia Izzo - Rischia il carcere senza condizionale il genitore che non adempie gli obblighi di assistenza nei confronti dei figli. Infatti, il giudice che subordina la concessione della sospensione condizionale della pena alla restituzione integrale delle somme dovute (ex art. 165 c.p.) non è tenuto a una preventiva verifica delle condizioni economiche dell'obbligato, a meno che non emergano indici della sua difficoltà ad adempiere o questi siano forniti dall'interessato. La vicendaÈ questa la linea dura scelta dalla Cassazione, sesta sezione penale, nella sentenza n. 52730/2017 (qui sotto allegata) che ha respinto il ricorso del condannato a 4 mesi di reclusione e 400 euro di multa ex art. 570 c.p. (Violazione degli obblighi di assistenza familiare) per aver omesso di corrispondere la ...
>> leggi di più

Fino a che punto il capo può criticare il lavoratore? (mer, 22 nov 2017)
di Lucia Izzo - Non è integrata diffamazione nei confronti del lavoratore se il superiore gerarchico si limita, seppur con toni pesantemente aspri, a contestare il dipendente avendo riguardo unicamente alla sua condotta professionale, senza sfociare in una censura diretta alla persona quale individuo in sé considerato. Lo ha precisato la Corte di Cassazione, quinta sezione penale, sentenza n. 52578/2017 (qui sotto allegata), rigettando il ricorso della parte civile contro la sentenza che aveva assolto l'imputata dal reato di diffamazione a suo danno poiché "il fatto non costituisce reato".La vicendaIn particolare il ricorrente aveva contestato alla donna, sua superiore gerarchico del ricorrente, si aver offeso la sua reputazione in una lettera inviata al Ministero dei Beni culturali, quale...
>> leggi di più

Violenza donne: stop molestie su posti lavoro, presentata pdl (mer, 22 nov 2017)
Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin;} di Marina Crisafi - Un disegno di legge per dire basta alle molestie sessuali nei luoghi di lavoro. "Un gesto semplice e concreto di avvicinamento al 25 novembre", in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne. Così, Titti Di Salvo (P...
>> leggi di più

Diritto di visita e residenza del minore (mer, 22 nov 2017)
Cos'è il diritto di visita e come si intreccia con la questione del collocamento prevalente dei figli...
>> leggi di più

Cassazione: la tv non è un diritto costituzionale (mer, 22 nov 2017)
di Valeria Zeppilli – La mancata consegna di un televisore da parte del negozio che vende elettrodomestici è un comportamento idoneo ad arrecare un pregiudizio al compratore, ma non può essere considerato tale da cagionare una lesione di un diritto costituzionalmente tutelato. La questione è stata recentemente affrontata dalla Corte di cassazione con la sentenza numero 27537/2017 depositata il 21 novembre (qui sotto allegata), che ha chiuso la vicenda giudiziaria in essere tra un uomo e una società proprietaria di una catena di negozi di elettrodomestici sorta a seguito della mancata consegna di un televisore acquistato dal primo presso uno dei punti vendita della seconda. Tv nessuna rilevanza costituzionale Sia il giudice di pace che il tribunale avevano ordinato alla società vendit...
>> leggi di più

Cartelle di pagamento notificate dai vigili (mer, 22 nov 2017)
di Valeria Zeppilli – Il maxiemendamento al DL fiscale approvato dal Senato (qui sotto allegato), se confermato alla Camera, dovrebbe rendere presto più semplice la notifica delle cartelle di pagamento tramite i vigili urbani. Cartelle di pagamento, dalla polizia municipale Il primo periodo dell'articolo 26, comma 1, del d.p.r. n. 602/1973, infatti, oggi prevede che la notifica delle cartelle di pagamento può essere fatta sia dagli ufficiali della riscossione o da altri soggetti abilitati dal concessionario nelle forme previste dalla legge, sia dai messi comunali o dagli agenti della polizia municipale, previa eventuale convenzione tra Comune e concessionario. Proprio con riferimento a tale ultima evenienza, il maxiemendamento è intervenuto specificando che, se ai fini del perfeziona...
>> leggi di più

Responsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente (mer, 22 nov 2017)
di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 26824/2017 (qui sotto allegata), la terza sezione civile della Corte di cassazione è tornata a occuparsi della questione dell'accertamento e della prova della condotta colposa del sanitario nei giudizi di responsabilità medica, ribadendo che l'onere di dimostrare il nesso causale tra la condotta del medico e il danno di cui si chiede il risarcimento grava in capo al paziente danneggiato. Criterio del "più probabile del non" A tal fine, l'attore deve riuscire a provare, con qualsiasi mezzo a sua disposizione, che la condotta del sanitario ha cagionato il danno secondo il criterio del "più probabile del non". Viceversa, se alla fine dell'istruttoria la causa del danno lamentato dal paziente è rimasta assolutamente incerta non sarà possibile ...
>> leggi di più

Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati (mar, 21 nov 2017)
di Marina Crisafi – Avvocati invitati ad emettere le fatture per le spese di giustizia al 2018. Causa: carenza di fondi per l'anno in corso. E in realtà, anche per le richieste pervenute fino ad oggi. È quanto comunica il tribunale di Milano con una lettera dell'8 novembre sullo stato dei pagamenti delle spese di giustizia del 2017 (sotto allegata), indirizzata all'ordine degli avvocati. Avvocati: rimborsi spese di giustizia rinviate al 2018 Il boccone amaro dato da digerire agli avvocati in pratica è il seguente: le fatture per spese di giustizia non ancora emesse nel 2017, "non potranno essere pagate con i fondi in conto competenza, in quanto stanziati in misura insufficiente a coprire anche quelle sinora pervenute". Avvocati e pagamenti: fatture insolute 2016 Non solo. Sc...
>> leggi di più

Partita IVA: 04000040719