News

Studio Cataldi - Notizie giuridiche, leggi e sentenze.

Reato per l'amministratore che trasferisce denaro dai conti dei condomini per coprire le perdite (mar, 26 set 2017)
Avv. Paolo Accoti - L'amministratore di condominio che, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria del denaro altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a euro 1.032,00. Il reato di appropriazione indebita si consuma allorquando l'amministratore, che ha la disponibilità di denaro di proprietà altrui (condòmini) in virtù dell'incarico ottenuto, si comporta come se fosse il proprietario, con la volontà espressa o implicita di considerare lo stesso come proprio. Nondimeno, il reato si configura anche quando l'amministratore, allo scopo di coprire perdite che si verificano in altri condomini dallo stesso gestiti, trasferisce fondi di proprietà di un condominio ad un altro. Questo è il prin...
>> leggi di più

Il disabile deve poter accedere liberamente al trasporto pubblico (mar, 26 set 2017)
di Lucia Izzo - Gli utenti affetti da disabilità hanno diritto a muoversi liberamente, usufruendo alle stesse condizioni degli altri cittadini dei servizi offerti dal trasporto collettivo, appositamente adattati, oppure di servizi alternativi.Lo ha precisato il Tribunale di Vicenza, seconda sezione civile, in un'ordinanza del 13 settembre (qui sotto allegata) a seguito del ricorso dell'Associazione Luca Coscioni che aveva denunciato una discriminazione collettiva posta in essere dalla società a cui era affidata la gestione del servizio di trasporto pubblico locale nel Comune di Vicenza.Il casoI mezzi utilizzati per il trasporto, denuncia l'associazione, non sarebbero stati accessibili alle persone con disabilità motorie in quanto privi delle pedane estraibili per consentire la salita e la ...
>> leggi di più

Legge 104: fino a 1.900 euro e diritto al part-time per il caregiver (mar, 26 set 2017)
di Valeria Zeppilli – In questi giorni si sente spesso parlare di caregiver familiare, vista la discussione in essere sui disegni di legge che propongono l'ingresso ufficiale di tale figura nel nostro ordinamento. Leggi: Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile Il caregiver familiare, in particolare, è un soggetto che, volontariamente e senza retribuzione, si prende cura di una persona cara e consenziente, che non è autosufficiente a causa dell'età, di una malattia o di una disabilità. Dalla definizione, è chiaro sin da subito che si tratta di una figura che, se dovesse essere effettivamente introdotta, dovrà necessariamente fare i conti con le previsioni di cui alla legge numero 104/1992 e di tale questione le proposte di legge che la disciplin...
>> leggi di più

Bollette: da gennaio controversie decise dall'Aeeg (mar, 26 set 2017)
di Marina Crisafi - Dal primo gennaio arriva un "terzo livello" di tutela per i consumatori alle prese con problemi nelle bollette di luce e gas. Se, infatti, la problematica non viene risolta con il reclamo all'operatore e con la successiva conciliazione si avrà a disposizione l'ulteriore possibilità (a richiesta dell'utente) che sia la stessa Autorità a decidere la controversia. Terzo livello: da gennaio solo se l'operatore non concilia Nella prima fase, scrive l'Autorità per l'Energia in una nota, il terzo livello sarà accessibile soltanto nei casi in cui il fornitore non abbia partecipato alla conciliazione obbligatoria. Ma in seguito, il servizio sarà gradualmente esteso ad altre casistiche, con tempi e modalità da definire in base ai risultati ottenuti dopo il primo periodo. Bo...
>> leggi di più

Ha diritto di regresso l'avvocato che paga per sbaglio le spese di registrazione della sentenza (mar, 26 set 2017)
di Valeria Zeppilli – Se l'avvocato paga le spese di registrazione di una sentenza, può agire in via di regresso nei confronti dell'obbligato. Parola di Cassazione, che con la sentenza numero 21686/2017 qui sotto allegata ha chiarito che il legale che assolve l'imposta di registro per conto dei propri clienti paga un debito non suo, con l'effetto di liberare tutte le parti del giudizio presupposto dalla loro obbligazione nei confronti del fisco. Egli, pertanto, si trova su una posiziona analoga a quella dei suoi clienti e, di conseguenza, ha al loro stesso modo diritto di regresso nei confronti degli altri coobligati. In altre parole, chi adempie un'obbligazione solidale senza esservi tenuto, nell'interesse di uno dei coobbligati, per effetto del pagamento acquista lo stesso diritto ...
>> leggi di più

In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono (mar, 26 set 2017)
di Lucia Izzo - Più tutele per gli anziani e pene inasprite per chi pone in essere una truffa nei loro confronti. La parola passa al Senato dopo che la Camera ha approvato un disegno di legge (qui sotto allegato) volto a modificare il codice penale, introducendo l'art. 643-bis che disciplinerà il delitto di frode patrimoniale a danno di soggetti vulnerabili in ragione dell'età avanzata. Truffa anziani: pene più gravi per la frode telefonica o con dati privati della vittimaLa nuova fattispecie di reato è destinata a punire, con la reclusione da due a sei anni e con la multa da 400 a 3000 euro, chiunque, con mezzi fraudolenti, induca una persona che versi in situazioni di vulnerabilità psicofisica, in ragione dell'età avanzata, a dare o promettere indebitamente a sé o ad altri denaro, beni o...
>> leggi di più

Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella (lun, 25 set 2017)
di Lucia Izzo - Se l'automobilista riceve una cartella di pagamento relativa a multa per violazione del codice della strada, che tuttavia non gli è stata notificata, avrà trenta giorni di tempo per proporre opposizione. Si tratta di azione non avente natura recuperatoria in senso stretto, poiché all'opponente non è garantita la possibilità di proporre tutte le difese che avrebbe potuto esercitare laddove la notifica fosse stata correttamente effettuata. Laddove l'amministrazione, invece, non riesca a dimostrare che la notifica è stata validamente e tempestivamente effettuata, la pretesa sanzionatoria è estinta. Il destinatario della cartella di pagamento che non abbia ricevuto la notificazione del verbale di accertamento non è, tuttavia, privato di tutela nel confronti dell'amministrazione...
>> leggi di più

Telelaser: nullo il verbale se l'apparecchio non è presegnalato (lun, 25 set 2017)
di Valeria Zeppilli – Anche il telelaser, così come l'autovelox, va sempre presegnalato per poter essere utilizzato come strumento di rilevazione della velocità utile a elevare sanzioni legittime. Il Tribunale di Latina, in funzione di giudice dell'appello, nella sentenza numero 105/2017 qui sotto allegata ha infatti ribadito che, con l'entrata in vigore dell'articolo 3 del decreto legge numero 117/2007, tutti i tipi e le modalità di controllo che sono effettuati con apparecchi, fissi o mobili, installati sulla sede stradale soggiacciono all'obbligo della preventiva segnalazione. Il cartello Peraltro, la presegnalazione deve avvenire mediante un cartello correttamente percepibile e leggibile, con la conseguenza che un accertamento, come quello di specie, eseguito mediante rilevazione...
>> leggi di più

Partita IVA: 04000040719